CONOSCI LA STORIA DELLA MOKA?

Napolitana, cafetera de rosca, cafetera de fuego, cafetera italiana o semplicemente Moka, ci sono tanti modi per riferirsi  alla caffettiera più famosa al mondo, un’invenzione tutta “Made in Italy” che rappresenta, per noi italiani, un vero e proprio vanto.

 

Come nasce la moka?

La storia della Moka inizia nel 1933, quando Alfonso Bialetti, noto imprenditore italiano, ebbe l’idea che avrebbe rivoluzionato il modo di fare il caffè.
Pare che il buon “Bialetti” osservando la moglie fare il bucato con la lisciveuse, una lavatrice dotata di caldaia che sfruttava l’ebollizione dell’acqua, ebbe un’illuminzione che porto la creazione della fantastica moka da caffè…

 

Il grande successo della caffettiera più famosa al mondo

Grande successo per la macchina che fa l’espresso come al bar, che per i primi dieci anni fu prodotta in maniera artigianale, questo fino agli ’40. Inizialmente, infatti, Bialetti produceva circa 10mila caffettiere all’anno e le vendeva personalmente alle fiere e ai mercati.

È solo agli inizi degli anni ’50 che il figlio di Alfonso, Renato, raccogliendo l’eredità del padre, dà alla caffettiera una connotazione industriale, costruendo una fabbrica in grado di realizzare più di 15mila unità al giorno, riuscendo a riscontrare un notevole successo sul mercato. 

Furono diversi i fattori che resero la moka da subito popolare, prima tra gli italiani e poi nel mondo intero. Uno dei motivi del grande successo della moka è d’attribuire al suo materiale principale, l’alluminio. Inoltre, il sistema di funzionamento della moka rese più facile e veloce la preparazione dell’infuso: la caffettiera di fatto scavalcò la “Cuccumella”, strumento di origine francese datato 1819, diffusissimo a Napoli (per questo nota anche come “caffettiera napoletana”). 

Perché si chiama moka?

Una piccola curiosità: pare che l’origine del nome sia legata ad una città dello Yemen, Mokha, conosciuta per la produzione di caffè, in particolare della qualità arabica, la più pregiata. Conosci le differenze tra miscela arabica e robusta? Leggi il nostro articolo.

Conosci la Moka Karina di Caffè Borbone? L’elegante macchinetta per il caffè con caldaia in alluminio e bricco in porcellana, un design che ricorda fedelmente una teiera.
Le particolarità della caffettiera sono l’ideale per poter assaporare al meglio tutto il gusto e l’aroma dell’inconfondibile
caffè macinato Borbone. Provala subito!

LA NOSTRA PRODUZIONE

AGGIORNAMENTO OGNI ORA

CIALDE PRODOTTE 2020
872.197.170
CIALDE PRODOTTE OGGI
901.610
CAPSULE PRODOTTE 2020
1.063.215.000
CAPSULE PRODOTTE OGGI
1.210.310
CAFFÈ IN GRANI (KG) 2020
5.665.649
CAFFÈ IN GRANI OGGI (KG)
18

*Nespresso ® e *Nescafé ® *Dolce Gusto ® sono marchi registrati di Societè des Produits Nestlè ® S.A.
Caffè Borbone Srl è produttore autonomo non collegato alla Societè des Produits Nestlè® S.A.
La compatibilità delle capsule Caffè Borbone è funzionale all’utilizzo con macchine da caffè ad uso domestico Nespresso ® – Nescafé ® Dolce Gusto ®.

*Lavazza ®, *A Modo Mio ®, *Lavazza A Modo Mio ®, *Espresso Point ® e *Lavazza Espresso Point ® sono marchi di proprietà di Luigi Lavazza S.p.A. ®.
Caffè Borbone Srl è produttore autonomo non collegato alla Luigi Lavazza S.p.A.®.
La compatibilità delle capsule Caffè Borbone è funzionale all’utilizzo con macchine da caffè ad uso domestico Lavazza ® Espresso Point ® – Lavazza ® A Modo Mio ®.