Secondo alcuni studi scientifici il caffè fa bene agli anziani, infatti è importante non perdere l’abitudine di bere caffè con l’avanzare dell’età per beneficiare degli effetti costituenti della nostra bevanda preferita.

Ciò non vuol dire che dobbiamo esagerare con il consumo di caffè, infatti è importante assumerlo sempre in maniera moderata, specialmente ad una certa età.

Il caffè fa bene agli anziani proprio perché aiuta il loro benessere psico- fisico, specialmente per la sfera cardiovascolare, quella digestiva ed anche quella neurologica grazie alla quantità di antiossidanti contenuti nel caffè.

Ma vediamo nello specifico cosa afferma la ricerca scientifica.

Gli anziani possono bere caffè? Ecco cosa dice la scienza

Secondo alcuni studiosi il caffè può aiutare a migliorare la propria salute grazie alle sostanze contenute considerate bioattive.

La ricerca dimostra che il caffè fa bene agli anziani poiché la caffeina può essere favorevole specialmente dopo i pasti, quando alcune persone anziane hanno un calo pressorio e quindi una tazzina di caffè dopo pranzo aiuta a mantenere equilibrati i valori pressori.

Inoltre il caffè aiuta nella prevenzione del diabete mellito di tipo 2 e in quella del morbo di Parkinson. Tra l’altro, secondo l’Inrar, la caffeina ci aiuta grazie alla presenza di acidi fenolici aiutando quindi anche a mantenere bassi i livelli di colesterolo nel sangue.

I polifenoli ed altri antiossidanti contenuti nel caffè proteggono il nostro organismo dai danni ossidativi, attraverso la riduzione progressiva dei radicali liberi; è in questo modo che l’organismo cerca di mantenersi attivo e “giovane” anche in età avanzata.

Il caffè quindi ha non solo un valore metabolico agendo sui valori del sangue legati all’alimentazione, ma avrebbe comunque anche un valore nutri genomico agendo sull’equilibrio neurologico e cardiovascolare di chi assume in maniera quotidiana e moderata quest’ottima bevanda.

 

SCOPRI IL CAFFE’ BORBONE MISCELA NERA

 

 

 
 

Il blog di caffè Borbone

Top