Essere concentrati per lo studio non è facile, specialmente quando si aggiungono lo stress e l’ansia per gli esami. C’è bisogno di una carica di energia che permetta di mantenere costante la concentrazione e aiuti la memoria.

Non c’è nulla di meglio di un buon caffè per studiare; la caffeina infatti permette proprio di mantenere la concentrazione, ci tiene svegli e ci da la giusta carica di energia.

Il caffè infatti aiuta a migliorare le prestazioni della nostra memoria del 10% e basta una sola tazzina di caffè per alzare la soglia della nostra attenzione.

Come agisce il caffè sul nostro cervello

Contro la sonnolenza e il calo di attenzione il caffè è uno dei rimedi più utilizzati, la nostra bevanda preferita, oltre ad essere buona ci aiuta anche a migliorare le funzioni cognitive. Pare infatti che 200 ml di caffeina possano avere lo stesso effetto di un buon pisolino di mezz’ora. Quindi il caffè, come il sonno, può avere un effetto rigenerante sul nostro cervello.

Caffè e memoria

Basse dosi di caffeina assunte giornalmente aiutano a migliorare le nostre capacità cognitive ed ovviamente la memoria.  Esagerare però non giova … nel senso che bere molto caffè non significa che può farci ottenere la memoria di un elefante, anzi, sarebbe sono controproducente per il nostro organismo. Bere tanti caffè ci porta ad una sovra stimolazione che non fa altro che renderci agitati perdendo la capacità di controllo; per questo motivo la dose di caffeina giornaliera deve essere moderata.

Inoltre sarebbe l’ideale bere caffè per studiare con l’aggiunta di un cucchiaino di zucchero che, secondo alcuni studi, migliora ancor di più la capacità di attenzione e migliora la memoria verbale.

Quindi per una pausa rigenerante dallo studio non c’è niente di meglio di un buon caffè zuccherato  che dia la carica e l’energia giusta.

Il blog di caffè Borbone

Top