Ormai lo sappiamo, il caffè insieme al tè è la bevanda più consumata al mondo subito dopo l’acqua. Si stima che nel mondo vengano consumate ogni giorno circa 1,6 miliardi di tazze di caffè ed oramai tra usi alternativi, benefici sulla salute, e ricette ne sappiamo veramente di tutti i colori…
O forse no! Siete sicuri di conoscere tutto sulla bevanda più amata dagli italiani?
Venite a scoprire con noi 10 cose che forse non sapete sul caffè.

10 Curiosità sul caffè

Qual è il colore del caffè?

No, non è quello che conosciamo, ovvero il marrone scuro… Le bacche di caffè sono rosse mentre i chicchi verdi! Proprio così, il colore scuro si ottiene solo dopo la tostatura del caffè.

Chi beve più caffè nel mondo?

No, non siamo noi italiani! L’Italia è solo al dodicesimo posto nella classifica dei consumatori di caffè, nella quale a primeggiare c’è invece la Finlandia dove si stima un consumo di circa 12kg di caffè all’anno, a persona!

Gli elefanti sono ghiotti di caffè

Proprio così, non siamo gli unici ad amarlo! Pare infatti che gli elefanti siano particolarmente golosi di bacche di caffè e che dalle loro feci venga ricavato il “Black Ivory” uno dei caffè più costosi al mondo (circa 50 dollari a tazza)!
Proprio così, i chicchi di caffè che restano intatti nel processo digerente degli elefanti vengono “modificati” dagli enzimi digestivi modificandone l’aroma e creando un caffè piuttosto pregiato.

Perché si chiama caffè?

Ci sono due versioni sulla probabile origine del nome “caffè”. La prima vorrebbe che il nome derivi da “Caffa” ovvero una regione dell’Etiopia dove il caffè cresce spontaneamente.
La seconda versione invece narra che intorno all’anno 1000 alcuni commercianti arabi portarono in Africa i chicchi di caffè dai quali ottenevano una bevanda che chiamavano “qahwa” (eccitante). Da lì il nome turco “Kahve” che è diventato in italiano “Caffè”.

Il caffè contro l’alitosi

Ammettiamolo, molti di noi trovano poco gradevole “l’odore” che il caffè lascia in bocca eppure dobbiamo per forze ricrederci!
Diversi anni fa una ricerca fatta dall’università di Tel Aviv ha scoperto che il caffè sia un ottimo alleato contro il batterio che provoca l’alitosi.

C’è chi ama i clisteri di caffè

Se pensate che il caffè si consumi unicamente per via orale vi sbagliate di grosso! Nel 1930 il medico tedesco iniziò a promuovere l’utilizzo del clisteri di caffè per sfruttare gli effetti benefici della caffeina e pare che lo stesso Carlo di Inghilterra si un grande estimatore di quest’ultimi.

Da dove viene la pianta del caffè?

Sebbene al giorno d’oggi il Brasile sia il maggior produttore di caffè al mondo, la pianta del caffè proviene dall’Africa, in particolare dal Sud del Sudan.

Il Caffè: musa ispiratrice degli artisti

Il caffè è stato oggetto anche di diverse opere artistiche di grandi nomi come Renoir, Manet, Van Gogh. Inoltre fu così amato dal compositore Johann Sebastian Bach da meritarsi la Kaffeekantate, eseguita a Lipsia, in Germania, tra il 1732 e il 1735.

Il caffè era la bevanda degli aristocratici

In principio il caffè era la bevanda consumata da aristocratici e intellettuali. Solo in un secondo momento si diffuse in tutte le classi sociali.

Il caffè migliore è con la napoletana

La caffettiera napoletana (cuccumella) è stata la prima macchinetta per fare il caffè in casa ed è anche il metodo migliore poiché presenta un filtraggio più lento.

 

Il blog di caffè Borbone

Top